Le buone abitudini alimentari

Questa è la nuova concezione di “piramide alimentare” elaborata nel 2010 dagli U.S.A. per diminuire la quantità di cibo assunto durante i pasti.

Le regole da seguire?


1. Bilancia le calorie: fai in modo che ogni pasto stia tutto in un piatto da portata unico. In questo modo eviterai porzioni troppo abbondanti.

2. Fai che metà del tuo pasto sia composto da verdura, alimento fondamentale e senza alcun effetto collaterale. Impara ad iniziare con un abbondante piatto, poichè ricco in fibra, permette di avvertire prima il senso di sazietà.



3. Non esagerare con il consumo di frutta: come spuntino è perfetto, ed è preferibile consumarla fuori dai pasti principali.

4. Scegli i grassi buoni, preferendo quelli ad alto contenuto di acidi grassi insaturi (olio extravergine di oliva, frutta secca e semi oleosi, pesce) a quelli saturi di origine animale.


5. Bevi tanta acqua (circa 1,5 litri al giorno), evitando il più possibile le bibite zuccherate, e fai attenzione al contenuto di sodio “nascosto” all’interno degli alimenti confezionati, molto più difficile da riconoscere rispetto al sale da cucina!

6. Fai almeno 5 pasti nell’arco della giornata: non evitare mai la colazione se possibile. Gli spuntini tra i pasti principali hanno uno scopo fondamentale: diminuiscono il senso di fame poiché permettono di mantenere il livello di zuccheri e di insulina nel sangue stabile e costante.


7. Se vuoi dimagrire, riduci i carboidrati (senza eliminarli) alla sera: il nostro organismo è portato a consumare di più e meglio durante il giorno e a fare scorte durante la notte.

8. Fai del buon esercizio fisico: moderato e adeguato alle esigenze individuali. Da camminare veloce a salire le scale invece che prendere l’ascensore. L’importanza del movimento sta nel prevenire le patologie croniche e mantenere l’organismo attivo, vitale e nel benessere.