Emorroidi: rimedi naturali ed alimentazione per combatterle

Emorroidi, che dolore! C’è chi soffre spesso di questo disturbo, chi ne soffre in gravidanza, oppure dopo il parto, e c’è chi ne soffre a seconda di quello che mangia.

E’ un argomento ostico, di cui nessuno parla volentieri, ma colpisce più del 10% della popolazione adulta, soprattutto in chi ha superato i 50 anni di età.

Cosa sono le emorroidi?

Sono ingrossamenti dei “plessi venosi” che si trovano in corrispondenza dell’ultima parte dell’intestino: retto ed ano. Questi plessi altro non sono che dei cuscinetti di vasi sanguigni, simili alle vene varicose delle gambe, che causano dolore e fastidio quando dilatati.

Quali sono le cause di insorgenza?

Nella maggior parte dei casi, le emorroidi sono dovute a:

  • Forte sovrappeso ed obesità
  • Stitichezza cronica e prolungata nel tempo
  • Gravidanza
  • Errori alimentari: eccesso di consumo di cibi molto speziati, cioccolata, bevande alcoliche o pietanze difficili da digerire
  • Problemi cardio-circolatori

Quali sono i rimedi naturali per combatterle?

Se la problematica è agli esordi, spesso basta cambiare alimentazione e stile di vita per risolverla:

  • Correggere le proprie abitudini alimentari aumentando il consumo di acqua e fibre solubili,
  • Praticare la corretta attività fisica per evitare uno stile di vita troppo sedentario
  • Seguire una regolare igiene intima, dopo ogni evacuazione, associata a bagni freddi ed all’applicazione di unguenti e pomate ad uso locale

I rimedi naturali maggiormente consigliati ed utilizzati sono:

  • l’elicriso e l’ippocastano, entrambi con spiccate attività antiinfiammtorie, analgesiche, antiedemigene, decongestionanti – si trovano sotto forma di opercoli, in pomate ad uso topico oppure anche in rimedi omeopatici
  • gel di aloe vera, famosa per la sua capacità antiinfiammatoria, lenitiva, riepitelizzante ed astringente
  • il burro di karité e l’olio di jojoba per il loro effetto emolliente ed antiossidante, grazie alla presenza di vitamina E

Come deve essere l’alimentazione in caso di emorroidi?

Il primo passo è quello di evitare di consumare cibi molto speziati e piccanti (pepe, peperoncino, curry, aglio, cipolla, ecc..). Ridurre, se non eliminare, bevande alcoliche ed eccitanti come il the ed il caffè, insieme alla cioccolata. Fare attenzione al consumo di lassativi osmotici o irritanti la parete intestinale, rimedi molto utilizzati in chi soffre di stipsi cronica e prolungata. Moderare l’utilizzo di cibi preconfezionati ed industriali per la presenza di sale, zucchero ed additivi chimici.

Cosa rimane? Come al solito, cereali integrali (senza esagerare con questo tipo di fibre in alcuni casi peggiorano la stitichezza!), legumi, frutta, verdura, proteine animali magre (carne, pesce, uova) e grassi buoni.

Ricordatevi che il pH delle feci diventa meno acido se si consumano molecole di grasso, che rendono anche la fuoriuscita delle feci più fluida, e più acido consumando troppe proteine.

Cosa fare in caso di emorroidi in gravidanza?

Il primo consiglio è di evitare di utilizzare pomate con principi farmacologici al loro interno, come gli anestetici locali o i corticosteroidi.

Quello che consiglio io è di mangiare in modo sano, come consigliato nei post precedenti, di tenersi in movimento con passeggiate oppure nuoto, che aiutano il transito intestinale, di bere molta acqua (almeno 2 litri al giorno) e di assumere la giusta quantità di fibre, come già confermato nel post precedente.

Nel caso non fosse sufficiente, consiglio l’utilizzo di fermenti lattici (probiotici) specifici, sia per bocca, che per uso locale, sotto forma di ovuli. Contattatemi se volete sapere quali aziende consiglio solitamente io.

Vi assicuro che utilizzati al primo accenno di prurito od irritazione, sia genitale che anale, sono un toccasana!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *