I numeri di sovrappeso ed obesità in Italia

Apriamo gli occhi e rendiamoci conto che il sovrappeso (in misura minore) e l’obesità non sono solo questioni estetiche, ma veri e propri rischi per la salute.
L’eccesso di massa grassa peggiora la qualità della vita e riduce l’aspettativa di vita.
L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha stimato che una persona gravemente obesa perde in media 8-10 anni di vita, cioè quanto un fumatore. Ogni 15 kg di peso in eccesso aumenta del 30% il rischio di morte prematura.
Nelle società occidentali l’eccesso ponderale è uno dei principali fattori di rischio di aumento di malattie croniche legate all’alimentazione: diabete, sindrome metabolica, colesterolo e trigliceridi alti, eventi cardiovascolari, ipertensione, ecc…
Dovremmo iniziare a lavorare dalla prima infanzia, educare i bambini alla corretta alimentazione ed attività fisica: i bambini con almeno un genitore obeso hanno una probabilità 3-4 volte maggiore di essere a loro volta obesi. La causa è in parte ereditaria e in parte dovuta al fatto che i bambini acquisiscono abitudini alimentari e stili di vita dei genitori.
Basta pensare che il 45% delle madri di bambini sovrappeso e il 9% delle madri di bambini obesi ritiene che il proprio bambino sia normopeso o sottopeso.